Home Web marketingCome sviluppare un piano editoriale per il tuo blog
Come sviluppare un piano editoriale per il tuo blog

Come sviluppare un piano editoriale per il tuo blog

Come sviluppare un piano editoriale per il tuo blog? Il piano editoriale è fondamentale per la riuscita del tuo lavoro..

Il piano editoriale può essere sia stilato per un progetto online che cartaceo, non fa alcuna differenza, l’importante è farlo.

Ma non è tutto perché se lavorate tramite i Social network, anche in quel caso è necessario fare un piano editoriale per portare avanti i post promozionali oppure un’evento.

Il piano editoriale andrà in base a cosa voi vogliate proporre al vostro pubblico, questo vuol dire che dovrete indirizzare il piano editoriale verso un determinato target e utilizzare la tecnica tone of voice basata verso il pubblico di riferimento.

Come realizzare un piano editoriale

Il piano editoriale presenta delle regole da seguire, prima di tutto lo dovrete stilare su di un documento, che sia cartaceo o tramite PC. Nel piano editoriale sono contenute una serie di informazioni, un elenco sul da farsi.

Per sviluppare un buon piano editoriale è necessario rispondere alle seguenti domande:

  • Quando;
  • Come;
  • Cosa;
  • Perché;
  • Per chi;
  • In che misura.

Oltre a questo è necessario seguire un calendario delle pubblicazioni.

Il calendario editoriale è una tabella di marcia che serve per non smarrirsi, stabilire un percorso di marcia è sinonimo di professionalità.

Inoltre avere un calendario editoriale ben compilato, vi darà la possibilità di avere sotto controllo le vostre pubblicazioni, non diventare ripetitivi e seguire un andamento logico sugli argomenti da pubblicare.

Gli aspetti decisivi del calendario editoriale:

  • Scadenze pubblicazioni;
  • Scaletta degli argomenti da trattare;
  • Date di consegna;
  • Dettagli da pubblicare: Tag, Categorie, immagini ecc…

Quando stilate un piano editoriale è importante darsi degli obiettivi, ovvero un punto di arrivo, tempi e modi.

Ecco alcuni modi per arrivare all’obiettivo prefissato:

  • Creare un brand;
  • Focalizzare un target;
  • Content marketing: trovare un nuovo pubblico o fidelizzare quelli esistenti;
  • Utilizzare gli strumenti di Google Analytics per migliorare la posizione del blog.

L’importanza del brand nel piano editoriale

Il brand è così importante che può modificare totalmente il vostro blog, account instagram, facebook ecc…

Indifferentemente dal canale su cui stava lavorando avere un brand forte farà la differenza.

Per creare o migliorare il brand ci sono delle tecniche, una di queste si chiama SWOT.

La SWOT è una tecnica per valutare le forze, debolezze, opportunità e minacce della vostra attività. La SWOT si utilizza per valutare la posizione di un’azienda, organizzazione o un blog, prima di partire con una strategia o un business plan.

Una volta compilata la SWOT,  comprese le criticità e i punti a favore, si potrà procedere con l’identificazione del Target e il Tone of voice.

Il target nella costituzione del piano editoriale

Siamo arrivati all’argomento del target, importantissimo per definire il piano editoriale, per fare questo è necessario conoscere le persone da raggiungere, lo si può fare studiando le ricerche o le query.

Le migliori informazioni ci vengono da internet, tutti noi cerchiamo i nostri desideri più profondi sul web, ecco perché è bene utilizzare gli strumenti SEO e l’analisi dei dati.

Quanto conta analizzare i competitor

Con l’analisi SWOT si può capire e valutare i competitor, ma oltre a questo è bene spostarsi sul web.

Ci sono degli strumenti che analizzano la posizioni dei siti competitor e sono:

  • Semrush;
  • Seozoom.

Semrush e Seozoom sono due tool che aiutano ad avere una panoramica chiara sugli argomenti maggiormente ricercati, tramite le keyword.

Ma non è tutto, molto importante è vedere gli altri blog, i profili inerenti al settore, confrontare il proprio operato, valutando in modo individuale .

Il piano editoriale per i Social Network

Per riuscire in questo settore non si può avere un solo canale di comunicazione, ma è necessario collegare anche altri canali, come i seguenti:

  • Facebook;
  • Instagram;
  • Newsletter.

Per Facebook ad esempio sono molto importanti i contenuti, attivare una community e rimanere in contatto con gli utenti. Ad esempio sono molto utilizzati i gruppi in Facebook, dove si possono scambiare informazioni e notizie, a patto che anche in questo caso vi stiliate un piano editoriale.

Per quanto riguarda Instagram, con account professionale non è alquanto facile, dato che Instagram ha quattro canali differenti:

  • Post del feed;
  • Video IGTV;
  • Instagram Stories;
  • Le live.

Seguire tutti questi canali è molto difficoltoso, ecco perché anche in questo caso è necessaria la presenza di un piano editoriale che sia mirato agli scopi prefissati.

La Newsletter ha anch’essa bisogno di un piano ben definito, con tanto di calendario delle pubblicazioni.

Non tutti i contatti sono uguali e per la newsletter è necessario diversificare le mail in base al target, gli interessi.

Conclusioni

Come avete potuto capire alla base della riuscita del vostro progetto è basilare scrivere e redarre un piano editoriale definito e particolareggiato, metteteci anche dei giorni, in questo modo risparmierete tempo in un secondo momento.