Home ForexIl Governo USA stà per riceve l’approvazione per vendere Bitcoins sequestrati dal Deep Web
Il Governo USA stà per riceve l’approvazione per vendere Bitcoins sequestrati dal Deep Web

Il Governo USA stà per riceve l’approvazione per vendere Bitcoins sequestrati dal Deep Web

Il governo degli Stati Uniti ha ricevuto l’approvazione da parte di un giudice nello Utah per vendere 513 Bitcoin e 512 Bitcoin in contanti sequestrati da un’indagine che coinvolge Aaron Michael Shamo, un commerciante del Deep web.
10 Milioni di dollari in Bitcoin e Bitcoin sequestrati in contanti che il Governo si appresta a liquidare come tutte le attività di Aaron Michael Shamo a seguito del suo recente arresto.

Shamo è stato arrestato nel novembre 2016, presumibilmente per la vendita di farmaci contraffatti nonché utilizzando un sistema di posta elettronica per distribuire i suoi prodotti.
Shamo, insieme con altri operatori Deep web, Drew Wilson Crandall, Mario Antonio Nobile, e Sean Michael Gygi, è stato ritenuto colpevole il 31 Maggio 2017 di cospirazione per importare e distribuire una sostanza atta alla manipolazione di farmaci e nello specifico utilizzati per fabbricare droga sintetica.

Il governo ha espresso preoccupazioni circa le modalità per conservare in modo sicuro i valori sequestrati ma in questo caso c’è una buona causa per la vendita, in quanto il valore potrebbe aumentare.
Ora il governo degli Stati Uniti deve attendere un periodo di 60 giorni prima di poter procedere con la vendita, questi ha comunicato la vendita di 144, 336 bitcoin sequestrati dopo la chiusura di Silk Road.

I funzionari addetti alla vendita sono preoccupati per la volatilità della valuta e temono un deprezzamento, questo potrebbe spingere il Governo a procedere alla vendita in tempi brevissimi.
Se fossero stati venduti nel 2014 quando il Bitcoin era valutato a 336 dollari a moneta, avrebbero più di 48 milioni di euro, oggi il loro valore è passato a ben 2,4 miliardi di euro.

Cioccolato plastico al miele

Appendiabiti di design

Voilà Banqueting a Cinecittà