BASE DI SIGONELLA A RISCHIO ATTENTATI? LE BASI AMERICANE IN ITALIA A RISCHIO RITORSIONI.

«Temiamo che vi sia il pericolo di un attentato terroristico anche nel nostro territorio e che appartenenti ad organizzazioni terroristiche possano trovarsi qui». L’allarme è del procuratore generale di Caltanissetta, Sergio Lari, lanciato qualche mese fa durante l’inaugurazione dell’anno giudiziario.

loading...

Le milizie sono in allerta e ogni nuova azione viene monitorata dai responsabili dell’area.

Non possono lasciarsi spazi scoperti, gli spostamenti delle ultime ore sono fuorvianti ma sembra che sia stata comunicata una segnalazione dalla Coleridge Area SAS, le minacce di guerra con l’invio dei 60 missili americani nei confronti di Assad non prospettano uno scenario pacato.

Ogni collaborazione con l’America desta perplessità e rischi di nuovi bombardamenti in risposta ad un impulsivo ma decisivo intervento sullo scenario mondiale.

La linea seguita da Obama si ripresenta con il nuovo eletto e ogni legame con le basi militari statunitensi possono essere oggetto di agguati.

Nella rotta tracciata dai superiori preposti alla difesa la Base di Sigonella sembrerebbe essere un facile bersaglio per intimidire le nazioni che volessero spalleggiare la condotta degli americani.

Il Comando tecnico logistico presente in Italia ha il compito di fornire ogni supporto amministrativo tecnico e operativo al 41esimo Stormo Antisom e ai reparti schierati ed in transito sulla Base.

Le sensazioni avvertite sono più che negative, il clima di terrore generato dall’attacco sferrato dal Premier americano si sta diffondendo a macchia d’olio e i soldati sono chiamati a tenere ben saldi gli animi e a rispondere con ogni mezzo per garantire la difesa nazionale. Non è possibile ancora definire con certezza quanto accade ma la situazione è altamente complicata.

loading...